Experts

La gente sposta argomenti e tecnologie. Muove noi!

BOARD

Frank Talmon l'Armée

CEO e Fondatore

Frank è membro di diverse organizzazioni e ha partecipato allo sviluppo di un metodo per la produzione in serie di edifici modulari. Con SEMODU AG, dal 2016 realizza edifici modulari con i più alti standard. L’economista immobiliare è passato allo sviluppo di progetti dopo un ruolo di senior management nel gruppo Allianz e ha trascorso quasi 20 anni con rinomati sviluppatori di progetti come parte del comitato esecutivo per lo sviluppo, il business development, la finanza e l’organizzazione.

Simone Talmon l'Armée

Manager delle Risorse Umane

Simone Talmon l’Armée sostiene dalla fondazione della società nel 2016 in tutti i settori dell’azienda ed è responsabile dell’organizzazione e dell’amministrazione, così come delle risorse umane di SEMODU AG.

Jochen Dorner

Responsabile dello sviluppo aziendale e firmatario autorizzato

Da poco più di 20 anni è membro del comitato consultivo della gestione immobiliare internazionale e quindi ha sempre il polso del settore immobiliare.
Durante la sua carriera professionale e il suo sviluppo, Jochen è sempre rimasto fedele al settore immobiliare. In passato, ha fatto parte di aziende molto conosciute e ha potuto costruire i suoi punti di forza nello sviluppo di progetti e nel business development. Più recentemente, ha trascorso circa 8 anni presso il gruppo Aareal Bank come responsabile del Business Development, della consulenza e del marketing, nonché per la vendita di immobili e M&A di aziende.
Dall’estate 2020 guida lo sviluppo sostenibile del settore immobiliare insieme al consiglio e alla direzione di SEMODU AG.

Bianca Nausedat

Capo della Finanza Aziendale

Dopo aver studiato economia, ha maturato le sue prime incisive esperienze professionali come consulente presso PwC in Lussemburgo e Ernst & Young nel settore M&A. In seguito, ha deciso di studiare imprenditorialità in Liechtenstein, dove si è interessata particolarmente al settore del private equity. Come conseguenza logica, ha iniziato la sua carriera nel dipartimento di investimento di una società di PE intenzionale in Svizzera. Tornata in Germania, è rimasta fedele al settore degli investimenti passando a una nota società di gestione patrimoniale, dove ha gestito diversi portafogli. Prima di trovare la sua vocazione alla SEMODU AG, è stata significativamente coinvolta nello sviluppo di una start-up nel settore immobiliare.

Franziska Löhr

Capo del ESG

Responsabile della strategia ESG a per Semodu, coordinando progetti nell’area della sostenibilità. Per dare uno slancio al campo della sostenibilità, che è sempre più al centro dell’attenzione, l’azienda vuole utilizzare la 32enne per ampliare la gamma di servizi legati alla neutralità di CO2 degli immobili. Inoltre, deve stabilire un centro di competenza per lo sviluppo della sostenibilità in tutte le dimensioni (ambientale, sociale e di governance aziendale).
L’esperta di sostenibilità ha molti anni di esperienza nei settori dell’approvvigionamento energetico e della decarbonizzazione. Più recentemente, è stata responsabile presso MVV Enamic della pianificazione di progetti di soluzioni di generazione a zero emissioni di CO2 e ad alta efficienza energetica in edifici nuovi ed esistenti e ha agito come interfaccia tra il settore immobiliare e l’industria dell’energia sostenibile.

Benedict Heidbüchel

Responsabile Relazioni con Investitori

Benedict Heidbüchel è entrato nel team SEMODU come responsabile delle relazioni con gli investitori nel marzo 2022. Ha diversi anni di esperienza nella consulenza sulle transazioni M&A e ha accompagnato diverse aziende DAX nei settori della sanità, della mobilità e dell’energia nel contesto di carve-out e spin-off. Più recentemente, come associato di investment banking, ha accompagnato i mandati di vendita nel mid-market. Ha anche un Master of Laws (LL.M.) in M&A.

Dieter Pape

Commercialista, consulente fiscale, presidente del consiglio di sorveglianza e socio di SEMODU AG.

Dal 1975 è attivo nella gestione aziendale, nel diritto commerciale e nella consulenza fiscale per aziende di medie dimensioni. Ha acquisito una particolare esperienza nella gestione di investimenti immobiliari e nel loro finanziamento in varie forme legali e di finanziamento. Come consulente fiscale e revisore dei conti, è un esperto assoluto di tutte le questioni finanziarie. Dieter Pape è uno dei coiniziatori intellettuali della fondazione di SEMODU AG ed è anche un membro del consiglio regionale del Forum finanziario europeo.

Jens Höhl

Membro del the Supervisory Board e Partner di SEMODU AG.

Dal 1998, Jens Höhl è membro del consiglio di amministrazione di Pape Consulting AG, Monaco. Nel 1994 ha assunto la direzione del dipartimento fiduciario per diverse società di fondi presso una società di revisione di Monaco. Nel 2003 ha assunto il ruolo di membro del consiglio di amministrazione dell’odierna URA Research GmbH di Monaco, gestita da revisori contabili.

Prof. Dr. Dieter W. Rebitzer

Economista, consulente, autore, business angel e membro del supervisory board di SEMODU AG.

Insegna economia immobiliare e le sue relazioni con la politica abitativa, lo sviluppo urbano, la logistica e le infrastrutture, l’energia e l’ambiente. Dal 2002 è professore di finanza e investimenti all’Università di economia e ambiente di Nürtingen-Geislingen (HfWU) e decano degli studi di gestione immobiliare.

Dr. Alois Jerges

Medico generico e membro del supervisory board di SEMODU AG.

È stato un compagno dei fondatori per molti anni e ha sostenuto l’intero progetto fin dall’inizio. Come medico di medicina generale, conosce molto bene le strutture rilevanti attraverso il suo lavoro di consulenza per numerose aziende note. Inoltre, è ben collegato attraverso il suo impegno politico a livello di città e contea nel campo della politica e degli affari.

Simone Talmon l'Armée

Manager delle Risorse Umane

Simone Talmon l’Armée è direttore dalla fondazione della società nel 2016. È responsabile dell’organizzazione e della gestione generale dell’azienda.

Membri del Comitato Consultivo

Roland Egger

Esperto di costruzioni e immobili universali, nonché partner e presidente dell’advisory board di SEMODU AG.

Il signor Egger è CEO di Egger Consult GmbH e ha decenni di esperienza nel mercato europeo e internazionale delle costruzioni e del real estate con una vasta rete nazionale e internazionale di partner commerciali, investitori e istituzioni.

Friedhelm A. Schmitt

Imprenditore di software, investitore tecnologico, esperto di crescita rapida delle aziende e membro del comitato consultivo di SEMODU AG.

Come amministratore delegato della società di software Fincite GmbH, ha vinto diversi premi per la tecnologia innovativa, la crescita superiore alla media e l’alta soddisfazione dei dipendenti. Come amministratore delegato di Fincite Ventures e Aphelium Investments, ha costruito e scalato con successo più di 15 aziende tecnologiche.

Götz von Waldeyer-Hartz

Economista aziendale, partner e consulente esperto di SEMODU AG

Laureato in economia aziendale porta con sé sia l’esperienza imprenditoriale come azionista-amministratore delegato che l’esperienza pluriennale di gestione in medie imprese tecnicamente orientate e in associazioni di categoria. Oltre alla consulenza e ai mandati ad interim, il signor Von Waldeyer-Hartz tiene anche conferenze sullo sviluppo organizzativo e del personale.

Ingo Kronenberg

Economista aziendale, amministratore delegato della FOURR GmbH, partner e consigliere di SEMODU AG.

Il signor Kronenberg ha più di 20 anni di esperienza nel settore immobiliare. È stato amministratore delegato della Dutch Real Estate Investments GmbH per 9 anni. È anche membro del comitato consultivo di SGBS – Alumni (St. Gallen Business School – San Gallo, CH) e fondatore e CEO di ImmoSport.

Celin Sommer

Graphic Designer, fondatore e direttore di One for the Planet e membro del comitato consultivo di SEMODU AG.

Celin Sommer è una grafica freelance e ha fondato l’iniziativa one for the planet all’inizio del 2020 con alcuni giovani impegnati perché crede che la protezione del clima e dell’ambiente riguardi tutti e tutti possono essere parte della soluzione.

Team

CARRIERE

Cerchiamo giocatori di squadra, creatori che vogliono migliorare il mondo

Ci consideriamo un team internazionale e interdisciplinare con una missione chiara: vogliamo creare nuovi spazi abitativi con l’aiuto di concetti modulari che conservano le risorse. Siamo sempre alla ricerca di persone di talento e di veri giocatori di squadra che vogliano plasmare il futuro delle costruzioni insieme a noi. Saremo lieti di ricevere la vostra candidatura a: [email protected]

Siamo alla ricerca di due Senior Project Developers | Real Estate (m/f/d) a tempo pieno per la nostra sede di Berlino.

I tuoi compiti:

– Eseguire analisi di localizzazione e previsioni di mercato, coordinerai la creazione di immobili residenziali modulari e sviluppi di quartieri urbani.

– Creare concetti di utilizzo economicamente validi per gli sviluppi dei progetti che supervisionerai.

– Gestire il team di progetto esterno e coordini le interfacce tra progettisti, ingegneri specializzati e imprese di costruzione.

– Essere responsabile del chiarimento del finanziamento del progetto e della pianificazione della liquidità del progetto.

– Preparare i calcoli di redditività, le analisi di redditività e le previsioni, preparerai e attuerai le decisioni del comitato e, se necessario, assumerai le funzioni del cliente.

– Occuparsi della gestione dei contratti dei progetti e controllerà i rischi, gli obblighi e le scadenze.

– Transazioni immobiliari (acquisto e vendita, compresa la gestione pre e post vendita).

– Accompagnare gli sviluppi propri del Gruppo SEMODU così come i progetti per i clienti esterni nello sviluppo dei servizi.

 

Noi offriamo:

– Un’azienda innovativa, moderna e orientata al futuro con libertà di autosviluppo e co-progettazione.

– Un lavoro permanente, stimolante e vario con prospettive di ulteriore sviluppo in un’azienda in crescita dinamica.

– Un posto di lavoro moderno e l’uso delle ultime tecnologie

– Lavoro di squadra in un’atmosfera aperta e fiduciosa

– Processi decisionali brevi grazie a una gerarchia piatta e un’atmosfera di lavoro cooperativa

 

Il tuo profilo:

– Hai una laurea in ingegneria civile o architettura o hai un titolo accademico comparabile nel settore immobiliare, preferibilmente anche una laurea in economia aziendale con esperienza nello sviluppo di progetti immobiliari.

– Conoscenze approfondite ed esperienza nell’identificazione, acquisizione e concettualizzazione di progetti immobiliari, così come conoscenze approfondite ed esperienza pratica nel diritto edilizio pubblico e privato, nella valutazione degli investimenti e hai conoscenze del mercato immobiliare e almeno cinque anni di esperienza professionale.

– Ti piace lavorare in gruppo e il tuo pensiero analitico, concettuale ed economico è uno dei tuoi punti di forza.

– Hai un alto grado di autodirettività e capacità decisionale.

 

Abbiamo suscitato il tuo interesse?

Allora invia i tuoi documenti di candidatura completi, indicando le tue aspettative di stipendio e la prima data di inizio possibile al nostro dipartimento HR all’indirizzo [email protected].


La costruzione modulare crea uno spazio abitativo di qualità superiore

SEMODU ModuleSEMODU Module

Visione
e Valori

La densità della popolazione aumenterà,
le risorse diminuiranno: Creiamo habitat che conservano le risorse e proprietà che si adattano ai bisogni delle persone.

I concetti immobiliari modulari possono dare un piccolo contributo a questa sfida.

Visione e Valori

SEMODU Module

La densità della popolazione aumenterà, le risorse diminuiranno:
Creiamo habitat che conservano le risorse e proprietà che si adattano ai bisogni delle persone.

I concetti immobiliari modulari possono dare un piccolo contributo a questa sfida.

Le nostre convinzioni e valori

Da molti anni ci occupiamo delle conseguenze del cambiamento climatico e delle nostre risorse limitate. Pertanto, abbiamo deciso di sviluppare concetti immobiliari che sono sia il più possibile neutrali per il clima che efficienti dal punto di vista delle risorse. Allo stesso tempo, ci concentriamo anche su considerazioni sociali. Ciò che stiamo considerando dovrebbe essere utilizzabile in tutto il mondo per quanto riguarda lo sviluppo immobiliare e l’approvvigionamento energetico.

~ 8.000.000.000

Cosa sosteniamo

Oggi sulla terra vivono più di 8.000.000.000 di persone, di cui 3.500.000.000 nelle città; nel 2050 ci saranno 10.000.000.000 di persone, di cui 7.000.000.000 vivranno nelle città. Ciò significa che in meno di 35 anni dovremo costruire di nuovo il mondo in cui viviamo oggi. E dovremo farlo con le risorse che abbiamo, affinché anche le generazioni future abbiano un futuro degno di essere vissuto.

Missione e obiettivi

Vogliamo diventare il principale fornitore di metodi per la costruzione seriale e modulare in tutto il mondo. Raggiungiamo questo obiettivo utilizzando moduli sostenibili che sono efficienti dal punto di vista dei costi e neutrali dal punto di vista climatico.

SEMODU ModuleSEMODU Module

Missione e Obiettivi

Vogliamo diventare il principale fornitore di metodi per la costruzione seriale e modulare in tutto il mondo. Raggiungiamo questo obiettivo utilizzando moduli sostenibili che sono efficienti dal punto di vista dei costi e neutrali dal punto di vista climatico.

Costruzione modulare combinata con una tecnologia all'avanguardia

L’edificio del futuro: Dobbiamo trovare soluzioni adeguate per gli edifici del futuro tenendo conto da un lato, la protezione del clima e la conservazione delle risorse e, dall’altro, la grande richiesta di abitazioni.

Questo ci spinge a realizzare i migliori concetti e allo stesso tempo a utilizzare la tecnologia più moderna negli edifici e nella loro produzione. I nostri clienti non devono rinunciare a nessuna comodità e allo stesso tempo devono sentirsi bene per aver fatto qualcosa per il futuro del nostro pianeta.

Tempi di costruzione brevi per una vita accessibile: I nostri edifici possono essere costruiti nel più breve tempo possibile e tuttavia raggiungere i più alti standard di qualità. Quando progettiamo le nostre linee di prodotti, prestiamo molta attenzione al loro uso successivo. Perché le caratteristiche speciali convenienti possono già essere ordinate da noi franco fabbrica. Oppure, soprattutto nel caso di dettagli tecnici, questi possono essere ordinati anche in un secondo momento tramite un aggiornamento del software o utilizzati temporaneamente. Sviluppo del progetto 2.0.

Soluzioni mondiali per la costruzione modulare: Con queste considerazioni sulla costruzione modulare e su un metodo di costruzione ibrido, vogliamo contribuire ad affrontare le immense questioni che sorgono dalla crescita globale. E usiamo tutta la nostra energia per dare un contributo pionieristico alla loro soluzione.

La digitalizzazione è l’argomento dominante nell’industria manifatturiera. La manutenzione predittiva, i dati intelligenti, l’automazione, la tecnologia digital twin sono entrati nei titoli di giornali, riviste e conferenze. Poiché la digitalizzazione sta abbracciando tutti gli aspetti della nostra vita privata e professionale, sta diventando una priorità per manager e politici parlare delle nuove opportunità. In questa intervista parliamo con Frank Talmon l’Armee, CEO di SEMODU AG, sulla rilevanza della trasformazione digitale nel settore immobiliare.

 

Giornalista:

Perché la digitalizzazione é così importante a  SEMODU?

Frank Talmon L‘Armée:

“Possiamo già vedere che la digitalizzazione sta plasmando la nostra vita quotidiana e giocherà un ruolo importante in molte altre aree della nostra vita in futuro. Ecco perché è estremamente importante per noi non solo parlare della possibile implementazione del progresso digitale, ma attuare le soluzioni reali – dalle parole ai fatti, per così dire. Noi di SEMODU crediamo che la dematerializzazione degli oggetti fisici sia solo una questione di tempo e quindi vediamo un immenso potenziale nella trasformazione digitale dell’industria immobiliare e soprattutto nella costruzione modulare.”

Giornalista:

Si sente spesso parlare dell’importanza di mettere al centro le esigenze dei clienti quando si fa lo sviluppo del prodotto. In che misura questo è importante per SEMODU e come si tiene conto del cliente?

Frank Talmon L‘Armée:

“Poiché il nostro cliente è anche l’utente finale del nostro prodotto, è ovvio che ci concentriamo sulle sue esigenze. Ma poiché stiamo creando qualcosa di completamente nuovo, i nostri clienti spesso non sono nemmeno consapevoli di queste esigenze. E questo, naturalmente, è un cambio di paradigma. Qui, in particolare, ci sforziamo di trasmettere chiaramente la nostra visione della nuova forma di vita e di dimostrare tutte le possibilità del design individuale. Ogni nostro cliente deve potersi esprimere nella propria casa. E questo, se lo vuole, significa che ogni giorno può essere unico”.

Giornalista:

Lei ha menzionato prima la necessità di passare dalle parole ai fatti. Come fa SEMODU a implementare la digitalizzazione nei suoi prodotti?

Frank Talmon L‘Armée:

“Attualmente stiamo sviluppando un modulo completamente digitalizzato, implementando un sistema operativo per edifici intelligenti. Questo sistema include oggetti quotidiani come un normale tavolo da pranzo che viene ripensato, reinventato e collegato digitalmente. Il beneficio per i nostri clienti sta nello spazio abitativo semplice, confortevole e adattabile che creiamo. Inoltre, le abitudini stanno cambiando più velocemente che mai. Per esempio, l’uso di strumenti online è spesso l’alternativa migliore all’acquisto di prodotti o servizi. Ecco perché ci atteniamo al principio “pay-per-use” per creare un’ampia offerta che può essere organizzata secondo le preferenze individuali.”

Giornalista:

Come si distingue SEMODU dalle altre aziende, soprattutto in termini di digitalizzazione?

Frank Talmon L‘Armée:

“L’integrazione di prodotti digitali nel concetto di costruzione modulare è un punto di vendita unico per SEMODU e quindi un vantaggio fondamentale sul mercato. Con l’implementazione dei nostri concetti tecnologici, vogliamo far progredire significativamente la trasformazione digitale nel settore immobiliare. Il nostro modo di pensare non convenzionale è quindi la nostra risorsa più importante. Le idee e le nuove prospettive che creiamo non solo danno un impulso prezioso al nostro lavoro, ma ci ispirano e motivano”.

Giornalista:

La sostenibilità è uno dei temi principali di SEMODU AG, il fornitore di metodi per la costruzione modulare. Perché è così importante per voi e che ruolo ha la protezione del clima? Come reagisce il settore a questo impegno?

Frank Talmon l’Armée:

Contribuire alla protezione del clima è una questione di cuore per SEMODU AG. Dopo tutto, il settore immobiliare è sempre stato uno dei maggiori emettitori di gas serra. Per questo motivo vediamo una particolare necessità di recuperare il ritardo.

Dove possibile, utilizziamo il legno e investiamo nel rimboschimento delle foreste per raggiungere un bilancio di CO2 o addirittura un bilancio di CO2 positivo con i nostri concetti di risparmio delle risorse. Che i nostri concetti abitativi rispettosi del clima e la costruzione modulare siano molto richiesti, è evidente anche dai numerosi feedback positivi che riceviamo da urbanisti, architetti e responsabili delle decisioni sui nostri progetti immobiliari.

Giornalista:

La sostenibilità non è a costo zero. Ma la sostenibilità è in tendenza da anni e ora si sta avvicinando all’industria edilizia e immobiliare. Allo stesso tempo, però, c’è una carenza di alloggi e i prezzi degli appartamenti continuano a salire. Come si può risolvere questa contraddizione?

Frank Talmon l’Armée:

Poco è cambiato nell’edilizia convenzionale negli ultimi 200 anni, soprattutto per quanto riguarda la sostenibilità. Ma i nostri concetti di edifici a zero emissioni di CO2 non devono necessariamente essere costosi. Questo è un punto molto importante. Per noi la sostenibilità non ha a che fare solo con la protezione del clima, ma anche con un modo di vivere socialmente accettabile – ecco perché puntiamo ad uscire da questa contraddizione. Con concetti neutrali per il clima, per quanto riguarda l’energia e la mobilità, vogliamo creare un futuro degno di essere vissuto per le generazioni future.

Allo stesso tempo, conosciamo anche l’importanza sociale della protezione del clima da SEMODU. Così, per noi, costruire il futuro e realizzare la sostenibilità sono inevitabilmente legati. In generale, alla SEMODU stiamo mandando un chiaro segnale per una maggiore protezione del clima e sostenibilità”.

Giornalista:

L’impegno per la protezione del clima nella sua azienda e nell’edificio modulare offre un valore aggiunto concreto e misurabile o si tratta piuttosto di dare un contributo alla società?

Frank Talmon l’Armée:

C’è già un chiaro valore aggiunto per noi. Come dimostra l’esperienza, l’industria immobiliare è piuttosto conservatrice e lenta quando si tratta di innovazioni. Le città in crescita, l’aumento dei prezzi degli immobili, degli affitti e dei costi di costruzione, le spaventose previsioni climatiche e i cambiamenti che sono già visibili oggi non scompariranno semplicemente. Questi sono i problemi che riguardano tutti noi. Dai politici, alle aziende, alle città, alle organizzazioni ambientali e, naturalmente, fino ad ogni singola persona – tutti devono unirsi per mantenere un futuro degno di essere vissuto insieme. Siamo già riusciti a collegare alcuni di questi fili, ma qua e là troviamo ancora incomprensioni o esitazioni.

Non lasciamo che questo ci rallenti, naturalmente, ma piuttosto entriamo in partenariati strategici che condividono la stessa visione e sono disposti ad andare avanti con noi.

Giornalista:

Come fa il SEMODU a realizzare i suoi ambiziosi obiettivi di protezione del clima?

Frank Talmon l’Armée:

Il nostro obiettivo è quello di realizzare tutti i nostri progetti almeno a clima neutro – se non con un bilancio climatico positivo. Tuttavia, siamo particolarmente orgogliosi del nostro progetto “Am grünen Anger” a Wernau, che non solo ha un bilancio CO2-neutro, ma ha anche un concetto di mobilità ed energia sostenibile dietro.
Tuttavia, vogliamo rafforzare la consapevolezza ambientale e climatica dei nostri dipendenti, partner e clienti. Per questo contiamo su un’ampia rete di collaborazioni e sosteniamo l’iniziativa “uno per il pianeta”, il cui fondatore ora fa parte anche del consiglio consultivo di SEMODU AG”.

Giornalista:

Nell’esempio di cui sopra, in che modo i clienti e i terzi beneficiano dei vostri sforzi per la protezione del clima?

Frank Talmon l’Armée:

Con i nostri progetti, dimostriamo che la vita a impatto climatico zero è abbastanza accessibile e può ancora soddisfare i più alti standard di qualità.
Questo è precisamente quello che vogliamo ottenere con i nostri moduli energetici innovativi e i nostri concetti di mobilità sostenibile, di cui beneficiano direttamente i nostri clienti.

Giornalista:

Questo è meraviglioso. Tuttavia, la protezione del clima a volte richiede ancora grandi investimenti. Avete trovato soluzioni per distribuire questi costi in modo equo e socialmente accettabile tra tutte le parti coinvolte?

Frank Talmon l’Armée:

Una delle principali preoccupazioni fin dalla fondazione di SEMODU è la costruzione di alloggi a prezzi accessibili e quindi la base per la compatibilità sociale. La nostra struttura modulare, sia che si tratti di moduli in legno, moduli in calcestruzzo o moduli ibridi, consente già un notevole risparmio sui costi e in cambio crea più spazio per l’attuazione di concetti rispettosi del clima. Il processo di produzione e consegna standardizzato può essere pianificato fino all’ultimo minuto, in modo che il modulo venga trasportato in cantiere just-in-time. Rispetto alla costruzione convenzionale, i tempi di costruzione possono essere ridotti fino alla metà.

Giornalista:

Espanderà l’impegno della sua azienda per la protezione del clima nei prossimi anni?

Frank Talmon l’Armée:

Ci sforziamo sempre di fare di più. La nostra visione è quella di creare spazi abitativi e proprietà che siano il più possibile efficienti dal punto di vista delle risorse e che si adattino alle esigenze delle persone. Ecco perché non ci stanchiamo mai di implementare nuovi concetti innovativi e lavoriamo costantemente per migliorare il nostro ambiente. La promettente collaborazione con una grande azienda energetica è solo l’inizio. Ci sforziamo sempre di fare di più. La nostra visione è quella di creare spazi abitativi e proprietà che siano il più possibile efficienti dal punto di vista delle risorse e che si adattino alle esigenze delle persone. Ecco perché non ci stanchiamo mai di implementare nuovi concetti innovativi e lavoriamo costantemente per migliorare il nostro ambiente. La promettente collaborazione con una grande azienda energetica è solo l’inizio.

Giornalista:

Cosa significa per lei personalmente la responsabilità aziendale e la gestione responsabile delle imprese?

Frank Talmon l’Armée:

Alla SEMODU, tutti hanno una voce – ci incontriamo all’altezza degli occhi. Per me, responsabilità aziendale significa riconoscere e rafforzare le responsabilità dei dipendenti e guidarli nella giusta direzione. I nostri dipendenti sono il motore di SEMODU. Secondo me, dare loro la massima libertà possibile nel loro lavoro è una forma di gestione aziendale responsabile.

Giornalista:
Quali progetti e iniziative in cui SEMODU è stata coinvolta negli ultimi anni hanno avuto una rilevanza sociale?

Frank Talmon l’Armée:

Crediamo che tutti i progetti che avviamo o sosteniamo abbiano un’alta rilevanza sociale. E le numerose richieste di progetti che riceviamo regolarmente ci dimostrano il successo delle nostre iniziative “vivere a prezzi accessibili” e “clima neutro, concetti di risparmio delle risorse”.

Giornalista:
Questa è la prospettiva del cliente ora. In che misura la vostra attenzione alla responsabilità sociale vi influenza anche durante la selezione dei candidati?

Frank Talmon l’Armée:

Crediamo che un team multiculturale porti una speciale diversità di talenti, competenze e nuove prospettive. Indipendentemente dall’età, dall’esperienza, dal background ecc. cerchiamo le menti più intelligenti e creative che portino aria fresca e nuove idee.

Giornalista:
Che ruolo hanno i dipendenti di SEMODU nel successo dell’azienda? Cosa è particolarmente importante per voi in termini di candidati?

Frank Talmon l’Armée:

SEMODU è in crescita, sia geograficamente che in termini di personale. Per far fronte a questo crescente carico di lavoro, abbiamo sempre bisogno di rinforzi nel team. Apprezziamo la capacità di lavorare in modo collaborativo. Lavorare a SEMODU richiede una grande apertura al pensiero innovativo e la volontà di sfidare gli approcci convenzionali. Le iniziative e le nuove idee dei nostri dipendenti sono enormemente importanti per noi, e quindi incoraggiamo particolarmente i metodi di lavoro indipendenti.

Giornalista:

Quali sono le iniziative con cui vuole dare un contributo a lungo termine alla società con la sua azienda?

Frank Talmon l’Armée:

SEMODU AG si basa su quattro aree di attività principali: modulare, digitale, sostenibile e produttiva. Tutti questi contribuiscono all’obiettivo di creare un futuro degno di essere vissuto per le generazioni future. I moduli di costruzione intelligenti e sostenibili sono la nostra strada per raggiungere questi obiettivi.

Giornalista:

Come la matematica influisce sul nostro ambiente costruito?

Shashank Pandey

Il ciclo dell’ambiente ha una funzione ritmica e ripetitiva – dalle stagioni alle ore di luce – tutto segue uno schema prestabilito. Le proporzioni matematiche sono decisive per rendere qualsiasi oggetto esteticamente piacevole. L’architettura antica e in alcuni casi l’architettura moderna fanno uso di modelli matematici e proporzioni per armonizzare la forma costruita con i nostri sensi visivi abituati dalla natura. Il rapporto aureo è uno di questi esempi. La sua interpretazione geometrica fu usata dalle civiltà egiziana, greca e romana. La tendenza continuò ampiamente nell’architettura gotica e islamica. Anche gli architetti moderni come Le Corbusier hanno usato la matematica come strumento nelle loro forme di design.

Giornalista:

In che modo la matematica e la costruzione modulare sono collegate?

Shashank Pandey

Queste due sono correlate in molteplici dimensioni. L’uso storico della matematica negli edifici era limitato principalmente alle forme degli edifici e ai modelli delle facciate. Ma con la costruzione modulare la matematica gioca un ruolo più decisivo, comprendendo diversi aspetti della progettazione. Nella costruzione modulare, oltre ai normali dati antropometrici, il team di progettazione deve fare calcoli efficienti, riguardanti le dimensioni dei moduli, il rapporto delle facce dei moduli, il peso dei moduli, l’equilibrio del modulo, e i parametri tecnici speciali in materia di strutture e MEP.

I fattori esterni come l’impianto di fabbricazione, i regolamenti statali sul traffico, i permessi per le gru, ecc. mettono in gioco queste restrizioni. Una pianificazione inefficiente può far salire il costo del progetto.

L’efficienza può essere controllata e confrontata usando delle formule. I progettisti devono lavorare sotto questo complesso ombrello matematico. Questa complessa costellazione può essere semplificata attraverso gli script di pianificazione CAD (Computer aided design). In futuro, gli impianti di fabbricazione avranno a disposizione processi CAM (Computer aided manufacturing) più automatici e semi-automatici.

Giornalista:

Questo sistema matematico può essere usato allo stesso modo in tutti i progetti?

Shashank Pandey

Questo sistema ha molte variabili. Se si considerano i fattori esterni, da un lato ci sono variazioni dovute ai diversi regolamenti edilizi statali, dall’altro alle diverse restrizioni statali sul traffico. Parlando di fattori interni, per esempio, il sistema ideato per un edificio residenziale non può essere usato come per un edificio per uffici. Altre variazioni derivano dal materiale stesso. Calcestruzzo, legno, acciaio e costruzioni ibride, ognuno ha la sua matematica individuale. A causa del peso maggiore del calcestruzzo (circa 2400 Kg/m³), risulta in moduli più piccoli rispetto al legno (circa 1200-1500 Kg/m³). Inoltre, nel calcestruzzo, il processo di fabbricazione specifico di trattare con casseforme dimensionate porta ulteriori vincoli invariabili nel processo di progettazione. Ma allo stesso tempo, a causa delle sue dimensioni ridotte delle pareti, i moduli in calcestruzzo risultano in una migliore efficienza dell’area. Tutti questi parametri vengono analizzati matematicamente in termini di vantaggi e svantaggi, in base al materiale e al progetto. Naturalmente, questa complessa analisi comparativa è molto più facile con la codifica matematica e la combinatoria.

Giornalista:

In generale, come differiscono i processi di progetto nella costruzione modulare? E quale impatto hanno questi processi sui costi e sui numeri della sostenibilità?

Shashank Pandey

Secondo la nostra esperienza, il Design-Build è il metodo di consegna del progetto più adatto alla costruzione modulare. La pianificazione ruota intorno alla matematica del modulo specifico che è personalizzata secondo il sistema del produttore. I moduli dell’edificio sono dettagliati fino all’ultimo passo durante le fasi iniziali di pianificazione e sono prefiniti fino al grado dell’80-90% nell’impianto di fabbricazione stesso. Anche la sequenza dell’assemblaggio finale dei moduli e il punto di connessione per il sollevamento del modulo è predeterminato. Le modifiche dell’ultimo minuto sono difficili da eseguire e costose da duplicare. Possono interrompere l’intero processo modulare e prolungare la durata del progetto.

Il processo di pianificazione utilizza il principio pratico di P-P-D (Plug, Play e Design). L’obiettivo del progettista è di progettare la dimensione più efficiente del modulo, perché dimensioni più piccole o più grandi possono portare a un’escalation dei costi durante la fabbricazione, il trasporto e il sollevamento e il montaggio in loco. Allo stesso tempo, il progettista deve massimizzare le ripetizioni del modulo per finire con costi di fabbricazione efficienti. Infine, la riduzione totale della durata del progetto del 50-70% si traduce in un maggior valore del costo opportunità per lo sviluppatore immobiliare.

Venendo all’aspetto della sostenibilità, il processo di fabbricazione snello e il basso numero di modifiche al progetto portano a un minimo spreco nella costruzione. Gli standard di qualità altamente controllati rendono l’edificio durevole e più sostenibile se calcolato sull’intero ciclo di vita dell’edificio. La riduzione dei tempi del progetto porta a una diminuzione delle emissioni di carbonio in modi intangibili. Il grado di riciclaggio dei materiali da costruzione e le possibilità di riutilizzo flessibile del progetto aumentano ulteriormente il quoziente di sostenibilità.

Giornalista:

Come si differenzia lo sviluppo dei moduli di SEMODU ́ dai suoi concorrenti?

Shashank Pandey

I nostri moduli e il loro processo di fabbricazione prevedono un alto grado di efficienza che replica l’industria automobilistica tedesca. La priorità è di raggiungere la qualità dei moduli, piuttosto che la loro quantità. Per esempio, la nostra concettualizzazione per i progetti residenziali mira a realizzare la pianificazione totale utilizzando un minimo di uno o un massimo di tre dimensioni di moduli per progetto. Questo principio di uniformazione si traduce nella massimizzazione dei vantaggi in termini di costi, qualità e tempo. Questi moduli a valore aggiunto sono strutturati per soddisfare le esigenze della prossima generazione e fornire soluzioni compatte. Il modulo digitale WANDWALL è stato sviluppato come un modulo intelligente incorporato nella tecnologia BOS. Questo è il futuro della costruzione modulare e dell’industria immobiliare in generale, dove abbiamo già dato un contributo significativo.

Jochen Dorner è il nostro Head of Business Development e un esperto di lunga data nel settore immobiliare. È responsabile della realizzazione efficiente e a impatto climatico zero dei nostri progetti e dello sviluppo dei progetti in generale.

Nell’intervista che segue, abbiamo chiesto a Jochen quali sono le più grandi sfide nel settore immobiliare e come SEMODU le risolve. Spiega anche quali soluzioni sostenibili SEMODU AG integra nei suoi progetti.

Quali sono le più grandi sfide nel settore immobiliare? E cosa fa SEMODU per vincere queste sfide?

L’industria immobiliare si trova di fronte a diverse sfide. Tra queste ci sono la carenza di alloggi associata alle abitazioni a prezzi accessibili, l’attuale carenza di lavoratori qualificati nel settore, il cambiamento climatico e il progresso della digitalizzazione. Infatti, l’industria immobiliare è uno dei settori meno digitalizzati, quindi la necessità di recuperare il ritardo è enorme. Inoltre, le sfide per l’immobiliare stesso sono completamente cambiate e devono essere affrontate dall’industria immobiliare anche a lungo termine.

Cosa fa SEMODU?

Come fornitore di metodi, lavoriamo in modo indipendente dal sistema e offriamo le nostre soluzioni secondo la sfida o la richiesta del cliente. Così facendo, non ci concentriamo su un solo prodotto o materiale, ma sul concetto migliore per la soluzione della richiesta particolare. Inoltre, siamo specialisti nella fornitura rapida di spazio abitativo, che sta diventando sempre più importante in vista della carenza di alloggi.

In che misura SEMODU contrasta il cambiamento climatico?

Il concetto di sostenibilità è profondamente radicato nel concetto di SEMODU. Facciamo una promessa ai nostri clienti che ogni nostro progetto sarà neutrale per il clima nella sua creazione o successivamente nel suo funzionamento. Per mantenere la neutralità del CO2, abbiamo stretto una partnership con GETEC per sviluppare soluzioni indipendenti dal mercato. La nostra azienda si presenta sul mercato come CERO2 e sviluppa progetti innovativi per consentire un funzionamento a zero emissioni di CO2 in seguito.

Come viene attuato il concetto di sostenibilità alla SEMODU e che ruolo ha la protezione del clima in questo?

La risposta si trova nel confronto tra la costruzione modulare e quella convenzionale. Quest’ultima è caratterizzata da una scarsa produttività e da un consumo di risorse molto elevato. Per questo motivo, il settore immobiliare è responsabile di circa il 60% di tutti i rifiuti prodotti oggi in Germania. Al contrario, il metodo di costruzione modulare ha una produttività e un’efficacia significativamente maggiori. Qui SEMODU punta sul legno come materia prima di costruzione e, in casi eccezionali, su edifici ibridi legno-calcestruzzo, il che rende i nostri progetti molto più efficienti dal punto di vista delle risorse e decisamente più sostenibili.

Luoghi

Ci puoi trovare qui:

Maximilianstraße 2
80539 Munich

Hauptstadtatelier
Am Spreebord 9e
10589 Berlin

Benzenmühlstraße 9
71723 Großbottwar

Lämmerspieler Straße 12
63165 Mühlheim a. M.

Hafenstraße 25-27
68159 Mannheim

c /o BETTR AG
Industriestraße 21
6055 Alpnach Dorf / Luzern

40 Yonge Street
Toronto Canada

c /o YANITA INVESTMENTS LIMITED
26/27 Upper Pembroke
Street Dublin

SEMODU INVESTMENTS LIMITED
69 Great Hampton Street
Birmingham, B18 6EW

SEMODU Weltkarte

Contattaci!