SEMODU guida la crescita ed espande il business digitale

SEMODU AG ha acquisito, nell’ambito di un aumento di capitale, una partecipazione di 360.000.000 di azioni nella società digitale di nuova fondazione “WANDWALL plc” in Irlanda e porta così avanti in modo significativo l’espansione del suo settore di attività “Digital”. La società tecnologica “WANDWALL plc” è stata fondata di recente, nel maggio di quest’anno, e sta sviluppando da Berlino un modulo di costruzione digitalizzato da zero.

Nel corso di un aumento di capitale, SEMODU AG ha aumentato il capitale sociale di 270.000 euro di 810.000 euro a 1.080.000 euro. L’aumento di capitale è stato effettuato mediante l’emissione di 810.000 nuove azioni nominative senza valore nominale con una quota di capitale sociale di 1,00 euro per azione. Le nuove azioni sono state emesse senza corrispettivo in un rapporto di 1 a 3 e hanno diritto a partecipare agli utili dal 1° gennaio 2021. Ulteriori colloqui di partecipazione con investitori internazionali del settore avranno luogo nel corso dell’autunno.

Con il suo investimento in “WANDWALL plc”, SEMODU AG vuole aprire la strada alla trasformazione digitale nel settore immobiliare in tutto il mondo. “Vogliamo continuare il nostro percorso di crescita e portare la nostra esperienza sulla costruzione modulare con tecnologie digitali innovative e concetti di energia sostenibile ai progetti immobiliari come partner e fornitore di metodi, inizialmente in tutta Europa”, dice il CEO Frank Talmon l’Armée.

Così facendo, “WANDWALL plc” dimostra di essere un esempio speciale di diversità culturale. “Siamo fermamente convinti che i diversi background culturali e professionali dei nostri dipendenti siano un elemento chiave per il successo della nostra azienda. Pertanto, a medio termine non limiteremo il nostro campo di attività all’Europa, ma diventeremo attivi anche in Asia e in Nord America”.

 

Creazione di un modulo digitalizzato

“La trasformazione digitale nel segmento degli alloggi in particolare offre un enorme potenziale”, dice Talmon l’Armée. Già nel corso dell’anno è stata avviata una cooperazione con il “Campus Founders”, un’istituzione accademica di innovazione e formazione nella regione di Heilbronn, per sviluppare innovazioni particolarmente dirompenti e approcci non convenzionali per prodotti digitali nel settore immobiliare. Con la partecipazione alla società digitale “WANDWALL plc”, verranno sviluppati concetti innovativi per l’integrazione dell’intelligenza artificiale in un modulo digitale. A medio termine, SEMODU AG deterrà circa il 36% delle azioni della società digitale.

 

“Il primo passo è quello di sviluppare un muro digitale basato su un software intelligente e sulla tecnologia blockchain”, dice Talmon l’Armée. L’obiettivo, dice, è quello di unire tutte le funzioni elettroniche e digitali sotto un unico software in modo che i singoli dispositivi, app e applicazioni diventino superflui nella vita quotidiana e possano essere controllati solo da un sistema unificato. “Il muro digitale è destinato a rendere la vita quotidiana del cliente molto più facile e quindi andare ben oltre l’uso ancora molto ingombrante delle tecnologie smart home di oggi.” Inoltre, l’intera soluzione sarà collegata in rete con i profili sociali, così le stanze possono reagire al singolo utente con l’aiuto dell’intelligenza artificiale e può essere creato un profilo utente individuale.

 

La grande visione qui è quella di creare un modulo che sia digitalizzato da zero. Questo include sia il blocco tecnico di base, che è incorporato invisibilmente nelle pareti dall’esterno e collega tutte le aree e le stanze dell’abitazione, sia le tecnologie più moderne che si adattano alle preferenze e alle restrizioni individuali e offrono soluzioni completamente complete e smaterializzate.

 

Per maggiori informazioni visitate semodu.com/digital ewandwall.com.

 

Informazioni su SEMODU

SEMODU AG sviluppa moduli di costruzione di alta qualità e nuovi metodi per il controllo degli edifici basati su soluzioni software all’avanguardia e sistemi matematici complessi. Insieme ai comuni e ai partner dei settori dell’architettura, della tecnologia degli edifici e della produzione di moduli, SEMODU fa così progredire il futuro degli edifici e delle città – a prezzi accessibili, senza emissioni di CO2 e allo stesso tempo moderno e vivibile. Con sedi a Monaco, Stoccarda, Francoforte e Berlino, l’azienda guidata dal CEO Frank Talmon l’Armée è attiva in tutta la Germania e a livello internazionale con progetti in Baden-Württemberg, Berlino, Brandeburgo, Hesse e Nord Reno-Westfalia, tra gli altri. Ulteriori informazioni: www.semodu.de

Redattore Alale Sarshar Fard echolot pr +49 711 9901486 sarshar.fard@echolot-pr.de

Condividi articolo


Il percorso verso la rivoluzione elettrica passa attraverso il crollo

L’industria immobiliare ha bisogno di energia dirompente, dice il CEO Frank Talmon l’Armée in un video di esperti. Un gruppo immobiliare gigante deve fare da apripista e dare una svolta all’industria immobiliare, che non si è evoluta per decenni. Proprio come Elon Musk ha messo l’industria automobilistica sulla strada della mobilità elettrica! Un tale pioniere che sarà in grado di elettrificare il portafoglio immobiliare e quindi di inaugurare la rivoluzione elettrica per il settore immobiliare è necessario.

Editor

Alale Sarshar Fard
echolot public relations
+49 711 9901486
sarshar.fard@echolot-pr.de

condividi l’articolo


Il futuro dell'edilizia è sostenibile e digitale

Il futuro è qui – tuttavia, la costruzione è ancora in ritardo in alcuni casi. Al congresso annuale di Heuer Dialog il tema del giorno era “La costruzione modulare del futuro”. Frank Talmon l’Armée, CEO di SEMODU, ha parlato dei cambiamenti da apportare nel settore immobiliare e di come sarà il futuro con le case intelligenti.

Disinfettanti, maschere, regole e persone e tavoli a distanza. La pandemia di corona ha influenzato anche Heuer Dialog. Nessuno è stato scoraggiato. Tuttavia, i posti erano pieni e i relatori che non potevano venire di persona si sono collegati online.

 

“La bellezza all’interno è la più importante”, dicono spesso i genitori ai loro figli, eppure alcuni parlano ancora di “Platte 2.0” quando si tratta di costruzioni modulari. Oltre allo spazio abitativo accessibile e alla funzionalità, le persone vogliono anche che il loro appartamento o edificio per uffici sia esteticamente piacevole per sentirsi a proprio agio al suo interno. L’importanza di questo aspetto in termini di costi e sostenibilità non dovrebbe essere sottovalutata. Solo se un edificio viene usato a lungo sarà redditizio e l’ambiente non ne soffrirà troppo. Tuttavia, se un edificio diventa rapidamente obsoleto e poco attraente, non viene utilizzato e deve essere demolito presto. Funzionalità, sostenibilità ed estetica devono quindi andare di pari passo. “Nessuno può dire quando vede i nostri progetti dall’esterno che sono edifici modulari. Grazie alle diverse combinazioni di unità e alle diverse facciate, è possibile costruire una grande varietà di case”, dice Frank Talmon l’Armée, fondatore e membro del consiglio di amministrazione di SEMODU AG.

Per diventare più sostenibile, anche l’impatto ambientale dell’industria delle costruzioni deve essere affrontato, sia nella produzione che durante l’uso. L’industria delle costruzioni produce più del 50% dei rifiuti annuali, utilizza il 70% di materie prime non rinnovabili ed è uno dei maggiori emettitori di CO2 a livello mondiale. Questi problemi possono e devono essere affrontati in vari punti.

Il primo passo è quello di industrializzare l’industria delle costruzioni. Essendo l’ultimo settore dell’economia, qui non c’è ancora una produzione in serie, invece ogni casa è praticamente un prototipo, il che porta a danni strutturali e rifiuti corrispondentemente alti. La costruzione modulare con le sue unità prefabbricate è particolarmente adatta alla produzione in serie.

Tuttavia, non solo per la produzione in serie, ma anche il passo verso l’economia circolare è più facile nella costruzione modulare, poiché non solo i singoli elementi, ma anche interi moduli possono essere riutilizzati. Poiché i componenti più importanti, quello che si potrebbe chiamare il DNA della costruzione modulare, sono facili da smontare, gli edifici possono essere ampliati, ridotti o installati in luoghi completamente diversi. Questo modo di costruire facilita anche il riciclaggio. “Per noi è importante costruire con materie prime sostenibili, come nel caso dei nostri moduli in legno e ibridi. Non usiamo solo il legno, ma siamo anche impegnati nella riforestazione”, sottolinea Talmon l’Armée.

Gli edifici del futuro non sono solo più sostenibili, ma sono anche “più intelligenti”. Una grande varietà di fornitori sta già lavorando su innovazioni per le cosiddette case intelligenti. Oltre al riscaldamento, alla sicurezza dell’edificio, alla luce, all’audio e a molti altri dispositivi, ciò include anche pareti di stanze completamente digitalizzate che possono essere comandate con il tatto, i gesti, il controllo vocale e una App. Queste pareti digitali sono una piattaforma e allo stesso tempo un nuovo dispositivo interattivo che combina tutte le funzioni che prima erano distribuite su innumerevoli dispositivi. Le pareti digitali si trasformano in sfondi, presentano opere d’arte dei più rinomati musei del mondo, sono pareti di social media, sostituiscono la televisione e l’album fotografico di famiglia. Inoltre, le superfici orizzontali possono essere riscaldate, magneticamente o per induzione e usate come una piastra. Naturalmente, tutti gli strumenti e le funzioni possono essere messi in rete qui e controllati da qualsiasi luogo tramite una App. “Sono fermamente convinto che tutto ciò che può essere smaterializzato sarà smaterializzato in futuro”, continua Talmon l’Armée, facendo una chiara dichiarazione. La casa del futuro modulare può fornire molte di queste funzioni fin dalla fabbrica. L’uso avviene quando il residente ne ha bisogno – come un modello contemporaneo pay-per-use.

 

È proprio questo comportamento dell’utente che non influenzerà solo il futuro dell’abitare, ma anche tutti gli altri settori della nostra vita. Poiché non solo fa risparmiare tempo, energia e denaro, ma è una cosa sopra ogni altra: la flessibilità. Chi installerebbe un sistema di allarme che costa diverse migliaia di euro se lo si può attivare solo per le cinque settimane di vacanza all’anno e poi disattivarlo di nuovo?

La vita quotidiana, come la conosciamo ora, cambierà radicalmente in pochi anni.

Editor

Alale Sarshar Fard
echolot public relations
+49 711 9901486
sarshar.fard@echolot-pr.de

Condividi l’articolo


LE NOSTRE NUOVE COLLOCAZIONI

Una posizione speciale con le migliori viste: Il nostro studio nella capitale.

Ora puoi trovarci a Berlino in Am Spreebord 9e.

Un altro modulo: La nostra nuova sede a Francoforte sul Meno.

Dal 01.04.2020 potete trovarci anche a Francoforte/Mühlheim a.M. in Lämmerspieler Strasse 12.

Ora siamo anche a Ländle!

Potete venirci a trovare nella nostra nuova sede di Stoccarda/Grossbottwar dove siamo dal 01.07.2019.

Una fondazione più ampia: La nostra sede a Monaco di Baviera.

Nel cuore della città proprio in Odeonsplatz:
Ci trovate a Monaco di Baviera in Maximilianstrasse 2, dove ci troviamo da quando è stato fondato il SEMODU Grupo.
Saremo lieti di vedervi!